Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie per i soci > DA ASCOLI E FERMO VERSO MONTEFIORE DELL’ASO PER “RUOTE NELLA (...)

DA ASCOLI E FERMO VERSO MONTEFIORE DELL’ASO PER “RUOTE NELLA STORIA 2022”

01.09.2022

Con le partenze distinte dalle sedi sociali di Ascoli Piceno e Fermo si svolgerÓ domenica prossima 4 settembre l’evento annuale di ACI Storico, secondo il programma nazionale di "Ruote nella Storia". La manifestazione porterÓ gli appassionati soci dell’Automobile Club piceno con le loro auto d’epoca verso la scoperta dell’affascinante Borgo di Montefiore dell’Aso.

L’evento scatterÓ alle ore 8:30 con il ritrovo, l’accreditamento dei partecipanti da Piazza Arringo di Ascoli Piceno e da Piazza del Popolo a Fermo. Sono attesi un totale di circa 40 equipaggi. Le auto si muoveranno poi alle ore 9:30 dalle due sedi lungo un panoramico percorso nell’entroterra per giungere e congiungersi in Piazza della Repubblica a Montefiore dell’Aso circa un’ora dopo. Chi partirÓ da Ascoli toccherÓ Villa Pigna, Villa Sant’Antonio, Offida, Santa Maria Goretti e Ripatransone. Gli equipaggi che prenderanno il via da Fermo si dirigeranno verso San Girolamo, Grottazzolina, Monte Giberto, Petritoli, Monte Vidon Combatte, Valmir e Rubbianello. Arrivati tutti a Montefiore dell’Aso, una volta parcheggiate le vetture d’epoca, gli equipaggi saranno accolti e salutati dall’Amministrazione Comunale e dallo staff Organizzatore.

Alle ore 11:00 Ŕ poi prevista la visita guidata del borgo e successivamente il lunch con degustazione delle eccellenze enogastronomiche locali presso il Polo Museale di San Francesco, che verrÓ poi visitato dalle ore 15:00 a completamento della giornata. Il raduno si chiuderÓ con la distribuzione degli omaggi e degli attestati di partecipazione agli equipaggi.

Particolarmente interessante si presenta la visita al Polo Museale di San Francesco, dove sono presenti opere dell’artista veneto Carlo Crivelli, che ha lasciato nel XIV secolo molte sue opere nelle Marche. Nel Polo si trova il Centro di Documentazione Scenografica di Giancarlo Basili, dedicato al cinema italiano e la collezione dell’artista locale Adolfo De Carolis. Presenti anche un Museo delle CiviltÓ Contadina e la Raccolta Domenico Cantatore.